Passa ai contenuti principali

Se russi usa Biorepair notte

Secondo un recente studio dell'Accademia italiana di conservativa (Aic) chi russa o respira male durante la notte mette a rischio lo smalto dei denti e facilita la comparsa di carie.


Il motivo è ovvio, chi russa respira con la bocca e di conseguenza ha secchezza che determina una modificazione del ph e del mifrobioma orale!

La prevenzione primaria sarebbe mettersi l'apparecchio, come forse non saprete cambiando l'occlusione, spesso aprendo il palato il problema si risolve!

Ma ipotizzando voi non abbiate interesse e russare vi piaccia 🤣 accettate il consiglio di ub'igienista fidanzata con un russatore seriale, usate i dentifrici con microrepair della linea Biorepair, in particolare suggerisco l'utilizzo di 3 prodotti specifici:

Biorepair plus protezione totale ( presidio medico acquistabile in farmacia e online)

Biorepair notte ( acquistabile nei supermercati ed online)

⭕ Biorepair Pro Scudo Attivo ( acquistabile nei supermercati ed online) .

Perchè?

Proprio perchè sono l'unico dentifricio al mondo con il microrepair, cristalli di idrossiapatite ( carbonato-apatite-zinco sostituita), che grazie alla sua capacità biomimetica ( capacità di imitare in tutto e per tutto la componente e la struttura biologica), si insinuano nelle microscalfiture del dente e lo riparano , proteggendolo per 24 ore consecutive, quindi sicuramente per tutta la notte!





Commenti

Post popolari in questo blog

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerĂ  questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasivitĂ  sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…