Passa ai contenuti principali

Perchè credo in Biorepair

Vorrei condividere un concetto prima che guardiate il video.

La differenza tra avere gli ingredienti e sperare di ottenere un ottimo dolce da godersi ed avere un ottimo dolce da mangiare è enorme? Sbaglio

In questo video provo a spiegarvi perchè credo così tanto in Biorepair da preferirlo a qualsiasi altro prodotto in commercio.
Non è la mia natura essere markettara, amo condividere ciò che so e comprendo con l'umile obiettivo di farvi sorridere con una bocca sana, evitandovi inutili e possibili effetti collaterali, da un'irritazione della mucosa ai denti macchiati.

Prima di condividere una "mia" verità la testo su me stessa, i miei familiari e i miei pazienti ed ascolto, osservo, attendo.
Fino ad ora sono rimasti tutti soddisfatti e non ho cominciato ieri eh!

Questo video è per voi.
Vorrei chiarire che non sono pagata per dirlo, stupida direte voi... no! Innamorata del piacere di condividere benessere.



Commenti

Post popolari in questo blog

Se russi usa Biorepair notte

Secondo un recente studio dell'Accademia italiana di conservativa (Aic) chi russa o respira male durante la notte mette a rischio lo smalto dei denti e facilita la comparsa di carie.


Il motivo è ovvio, chi russa respira con la bocca e di conseguenza ha secchezza che determina una modificazione del ph e del mifrobioma orale!

La prevenzione primaria sarebbe mettersi l'apparecchio, come forse non saprete cambiando l'occlusione, spesso aprendo il palato il problema si risolve!

Ma ipotizzando voi non abbiate interesse e russare vi piaccia 🤣 accettate il consiglio di ub'igienista fidanzata con un russatore seriale, usate i dentifrici con microrepair della linea Biorepair, in particolare suggerisco l'utilizzo di 3 prodotti specifici:

Biorepair plus protezione totale ( presidio medico acquistabile in farmacia e online)

Biorepair notte ( acquistabile nei supermercati ed online)

⭕ Biorepair Pro Scudo Attivo ( acquistabile nei supermercati ed online) .

Perchè?

Proprio p…

Oggi ho scelto la mia buddy!

Sapete cos'è il buddy?
È un amico o amica a cui appoggiarsi, un po' come il bobby che ti porta a casa se hai bevuto troppo o il supporter per un ex dipendente da alcool, sesso o droga.
Più semplicemente il buddy è un compagno, amico, supporto che ti aiuta a superare un problema o a portare avanti qualcosa.

Oggi ero all'incontro mensile della community Asentiv di Barbara Boaglio, la mia coach di marketing relazionale. Tra gli esercizi di oggi c'era quello di porsi degli obiettivi da raggiungere, in un certo modo ed in un determinato tempo.
Ecco! Dopo aver scelto i prossimi miei obbiettivi ho scelto tra i presenti la mia buddy e lei si preoccuperà che io li porti a termine, mi supporterà e spronerà finchè non raggiungerò l'obiettivo.


Questa e una delle tante attività che svolgiamo nel nostro percorso per diventare imprenditori e professionisti soddisfatti e felici, un percorso che ringrazio sempre di aver cominciato, il 20 agosto del 2017 con Barbara Boaglio.
Un per…

Afte in bocca ? Campanello d'allarme per intolleranze e celiachia

Una volta si diceva " afta da trincea o da studente", così ancora le studiai io nel lontano 1999/2000.


 Le afte in bocca (quelle bollicine col puntino bianco ed il contorno rosso che compaiono spesso su lingua labbra e guance) sono sempre state ad eziologia sconosciuta e spesso considerate una causa consecutiva ad uno stress traumatico (matita in bocca mi faccio male, prendo le impronte ortodontiche e mi infastidisce, faccio l'impianto e mi bucano l'osso) o uno stress psicologico (appunto in guerra in trincea o gli studenti sotto esame).