Passa ai contenuti principali

Virtual reality con gli oculus di Google by NoReal.it

Erano gli anni 2007/2008 quelli in cui conobbi Davide Borra , architetto, torinese, esperto in virtual 3d.
Con lui realizzai i primi progetti di comunicazione virtuale in second life.

L'altro giorno mi è arrivato un invito personale a provare un nuovo prototipo sviluppato dalla sua classe di studenti al master dove insegna  allo IAAD .
Una "virtual reality experience" . L'ambientazione è la foto realizzata da questa fotografa americana che crea lei tutte le scene. Sandy Skoglund
In questo caso i pesci sono in terracotta creati da lei.


Entrando nella stanza virtuale puoi modificare lo scenario, le luci, i suoni, i colori, la posizione dei pesci e dei cuscini.
Da amante dell'immersione totale posso dire che è una figata pazzesca. Non fossi stata consapevole che intorno a me c'era gente che voleva provarlo, sarei ancora lì.
Non avete idea che meraviglia la stanza come sotto il mare col rumore languido dell' acqua e null'altro. Un paradiso.
Se riesco vado a fare un altro giro. Ho bisogno di estraniarmi. È  un periodo difficilissimo della mia vita, così spezzo!

Ammetto che ora capisco perchè ci sia chi ipotizza che ci chiuderemo sempre più nel mondo virtuale. In realtà lo capivo già con secondlife, ma non sentivo le cose intorno a me, erano comunque  oltre lo schermo. Così no! È semplicemente incredibile.

Sì! Avete ragione, io sono predisposta a utilizzare questi strumenti.  Dico sempre che non mi chiamo Alice per caso, perchè davvero io mi immergo spesso nel mio moneo delle meraviglie per respirare. Ora quel mondo è sempre più vero.
Così però arrivano anche i rischi, ma qui subentra un discorso educativo, come diceva stasera Nicolò all'apericena Slashers.

Eh sì vita mondana oggi.
Pomeriggio alla NOreal.it di Davide per provare la realtà virtuale, serata al Master Club ( un tempo Fioccardo e mi si son accesi molti ricordi) con alcuni Slashers, che ho conosciuto con piacere.

Volete vedere come si muove un umano in un mondo virtuale?




Commenti

Post popolari in questo blog

Se russi usa Biorepair notte

Secondo un recente studio dell'Accademia italiana di conservativa (Aic) chi russa o respira male durante la notte mette a rischio lo smalto dei denti e facilita la comparsa di carie.


Il motivo è ovvio, chi russa respira con la bocca e di conseguenza ha secchezza che determina una modificazione del ph e del mifrobioma orale!

La prevenzione primaria sarebbe mettersi l'apparecchio, come forse non saprete cambiando l'occlusione, spesso aprendo il palato il problema si risolve!

Ma ipotizzando voi non abbiate interesse e russare vi piaccia 🤣 accettate il consiglio di ub'igienista fidanzata con un russatore seriale, usate i dentifrici con microrepair della linea Biorepair, in particolare suggerisco l'utilizzo di 3 prodotti specifici:

Biorepair plus protezione totale ( presidio medico acquistabile in farmacia e online)

Biorepair notte ( acquistabile nei supermercati ed online)

⭕ Biorepair Pro Scudo Attivo ( acquistabile nei supermercati ed online) .

Perchè?

Proprio p…

Oggi ho scelto la mia buddy!

Sapete cos'è il buddy?
È un amico o amica a cui appoggiarsi, un po' come il bobby che ti porta a casa se hai bevuto troppo o il supporter per un ex dipendente da alcool, sesso o droga.
Più semplicemente il buddy è un compagno, amico, supporto che ti aiuta a superare un problema o a portare avanti qualcosa.

Oggi ero all'incontro mensile della community Asentiv di Barbara Boaglio, la mia coach di marketing relazionale. Tra gli esercizi di oggi c'era quello di porsi degli obiettivi da raggiungere, in un certo modo ed in un determinato tempo.
Ecco! Dopo aver scelto i prossimi miei obbiettivi ho scelto tra i presenti la mia buddy e lei si preoccuperà che io li porti a termine, mi supporterà e spronerà finchè non raggiungerò l'obiettivo.


Questa e una delle tante attività che svolgiamo nel nostro percorso per diventare imprenditori e professionisti soddisfatti e felici, un percorso che ringrazio sempre di aver cominciato, il 20 agosto del 2017 con Barbara Boaglio.
Un per…

Afte in bocca ? Campanello d'allarme per intolleranze e celiachia

Una volta si diceva " afta da trincea o da studente", così ancora le studiai io nel lontano 1999/2000.


 Le afte in bocca (quelle bollicine col puntino bianco ed il contorno rosso che compaiono spesso su lingua labbra e guance) sono sempre state ad eziologia sconosciuta e spesso considerate una causa consecutiva ad uno stress traumatico (matita in bocca mi faccio male, prendo le impronte ortodontiche e mi infastidisce, faccio l'impianto e mi bucano l'osso) o uno stress psicologico (appunto in guerra in trincea o gli studenti sotto esame).