Passa ai contenuti principali

Pensieri di un'insonne

Il sonno se n'è andato e mi ha lasciata sprofondare drammaticamente nei pensieri, ma siccome non voglio pensare eccomi qui a scrivere.

C'è una frase che mi riecheggia nella mente da Sabato :
"Scusa se son stato prolisso, ma non avevo tempo".

L'ha detto il giornalista Gianluca di Schiena durante la sua relazione al #Revolution ( a La Sapienza di Roma).



Sembra un ossimoro, ma ascoltata la spiegazione, mai frase fu più vera.
Quando si ha tempo, si ragiona, riflette e riassume un concetto, così da renderlo efficace ed incisivo.

Già! Ma, io ora ho voglia di essere prolissa, nella speranza di annoiarmi ed addormentarmi.

Il cervello non si ferma perchè sono tante le cose che stanno avvenendo, troppe forse o tutte insieme, belle, ma impegnative!


A questi impegni si aggiungono le informazioni, tantissime e continue che ricevo e... cazzo non so più come immagazzinare, per poi con calma riprendere e sviluppare o, se non necessarie, abbandonare.

Ecco tra le informazioni ci sono le tante raccolte proprio Sabato al congresso di Chicca Scagnetto.



Prima tra tutte è che il mondo si è svegliato, o meglio l'italia e le nuove generazioni di professionisti sono pronte a fare ciò che altri non hanno saputo fare, capendo quei visionari spesso derisi prima di loro... quelli come me, per quasi un decennio definiti "gli sfigati di internet".



 Ammetto che fa piacere poter fare un bel (suka) a tanta gente, ma fa anche piacere sapere di aver visto giusto e di saper vedere oltre il momento.

Dico questo perchè ieri ho ascoltato una giovane collega relazionare su un argomento a me molto caro, la storia del web fino all'attualità.


La dott.ssa Francesca Seri mi ha piacevolmente stupita per la sua capacità di stare davanti a una platea di 148 persone e raccontargli cose che non conoscevano, mostrando chiaramente di averle capite, fatte proprie e quindi condivise.

Perchè chi capisce sa che Rudy Bandiera ha ragione e il suo motto è più vero di molti altri "Condividi et Impera".

Uno dei concetti che tutti i relatori hanno condiviso era proprio nelle prime slide di Francesca ed è una frase di Enrico Bisetti, umanista sedotto dalla tecnologia.



Ed un altro umanista sedotto e poi divenuto un condottiero attento dello strumento è stato un altro relatore, per sottolineare quanto Chicca sia sempre avanti a tutti. Fu lei la prima a darmi spazio su un palco per raccontare oralcare.pro.

Sabato ho sentito parlare Mauro Facondo, consulente e formatore manageriale.
Come padroneggia l'argomento web, digital device, social, brand, app lui, posso affermare di averne conosciuti pochi. Pochi capaci di riassumere in poche e particolarissima slide concetti e informazioni così vere, ma così poco ovvie ai più, che spesso si lascian incantare da quei "io,io,io" che ha giustamente criticato.



Ciò che poi ho apprezzato di lui è stato il suo condividere il palco con un giovanissimo imprenditore che con 3 amici ha dato il via ad una startup che potrebbe essere l'evoluzione di ciò che sta accadendo.
www.feedback.xyz  scoprite da soli di cosa si tratta. Al momento è solo x iOs 😐

Per non parlare del collega di Lisbona, Mario Rui Araujo. Lo sentiì la prima volta parlare nel 2015, quando anche io fui ospite di Revolution come relatrice. Era già avanti anni luce a tutti, sapeva bene come la comunicazione fosse la nostra vera professione e la levigatura solo un mezzo per comunicare a chi ha bisogno di noi.



Una cosa poi mi ha esaltata della sua relazione. Un esperimento che dimostra come i pazienti apprezzino ricevere messaggi di rinforzo a migliorare la salute del loro sorriso. Quei messaggi in arrivo con l'aggiornamento dell'app Oralcare Pro e con l'arrivo dell'app Master per il professionista.

Se tutto va bene il mio regalo di Natale agli igienisti dentali www.oralcare.pro ed ai loro pazienti.



Okei amici lettori... sembra che alle 2.50 il sonno abbia scelto di tornare da me... speriamo in bene... che in questo momento ho bisogno di spegnere il cervello...

Anche io ogni tanto devo staccare la spina, nonostante fin dal 2007 mi son spesso sentita definire bot, per le mille e troppe cose che ho sempre fatto... eppure dormivo snche!

Notte!




Commenti

Post popolari in questo blog

Black is the new BlanX! Il nuovo dentifricio provato per voi.

È nato da poco un nuovo dentifricio della famiglia Coswell: BlanX Black ai carboni attivi.

Lo sto provando e posso dire che come tutti i BlanX è delicato, dal sapore piacevole senza essere troppo invadente ed illumina subito il sorriso.

Vorrei poi segnalare una cosa che non sapevo e mi ha dato qualche bella idea per bimbi poco vogliosi di lavarsi i denti. Ai bambini avere tutta la bocca grigia ( perchè la schiuma diventa grigia) piace tantissimo e li stimola a lavarsi a lungo i denti. La figlia del mio fidanzato non vedeva l'ora di provarlo ed è stata 5 minuti a lavarsi i denti guardandosi con attenzione.

Attenzione è un dentifricio per adulti, quindi non può essere usato quotidianamente se ci sono numerosi denti da latte, ma avendo un basso potere abrasivo può aiutare nella motivazione dei più piccoli.

Per saperne di più, se siete colleghi potete trovare tutte le info nel gruppo Coswell Oral Care Club di facebook a questo link https://www.facebook.com/groups/738041049880735/perm…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

Basta TRICLOSAN nei dentifrici. Vincono i consumatori

Quante volte vi ho detto " scegliete bene il vostro dentifricio" " datemi retta" " controllate cosa contiene".

Per anni ho sempre chiesto come mai ci fosse triclosan nei dentifrici colgate e per anni la risposta è sempre stata identica.
La società si è sempre difesa sostenendo che il prodotto è ammesso dall’autorità farmaceutica americana, la FDA, e che aiuta a combattere la gengivite. In Europa, Colgate ha spiegato che “i comitati scientifici indipendenti della Commissione europea hanno valutato diverse volte il triclosan e hanno concluso che si tratta di un componente sicuro per un dentifricio”. Inoltre, la società spiega sul suo sito web che le recensioni fatte dalla FDA, dall’American Dental Association, da alcune agenzie governative e da altre fonti indipendenti in Europa e nel resto del mondo confermano che “l’uso del triclosan nei dentifrici è sicuro, e riconoscono che Colgate Total fornisce un importante beneficio per la salute orale “.

Per questo …