Passa ai contenuti principali

Biorepair è il dentifricio che ripara lo smalto rendendolo più bianco.

Era il 2009 quando ho cominciato a utilizzare personalmente ed a consigliare il dentifricio Biorepair.
Era molto difficile trovarlo e sovente i pazienti rinunciavano, tornando ai classici dentifrici per denti sensibili.


Sì, la prima problematica per cui avevo cominciato a indicarlo era proprio la sensibilità dei denti (le gengive sensibili non esistono) .

Negli anni avevo riscontrato un sempre maggior aumento di sensibilità, legato ad alcuni fattori comuni, quasi a tutti:

  • utilizzo di dentifrici "whitening" o con microgranuli
  • aumentato consumo di bevande zuccherate e bibite conservate (anche succhi di frutta)
  • problematiche gastrointestinali con manifestazioni di reflusso o acidità di stomaco.

Prima di scoprire Biorepair consigliavo i classici prodotti che tutti conoscete, da Elmex a Sensodyne, ma dovendo accettare l'effetto collaterale estetico che provocava l'utilizzo continuativo del prodotto.
Ebbene sì i denti diventavano regolarmente più scuri, imbruniti, e questo era motivo di profondo dispiacere per i pazienti, togliendogli la voglia di sorridere.

Potete ben capire che non potevo permettere che i miei pazienti per non sentire sensibilità dovessero però rinunciare all'estetica, altrettanto che per non rinunciare all'estetica dovessero rinunciare a una dentatura sana.

Così ho cominciato a provarli tutti, avendo io sia l'esigenza di un dente esteticamente bello , sia problemi di sensibilità dovuti (ma questo lo so 10 anni dopo) a reflusso grave.
Nessuno raggiungeva entrambi gli obiettivi: estetica e assenza di sensibilità.

FInchè provai Biorepair total plus (si chiamava così prima) e fu subito un grande amore.

Oggi ha cambiato nome e si chiama

Biorepair plus protezione totale, è riconoscibile perchè il pacchetto ha una croce verde (che si distingue dalla rossa e dalla blu e dalla bianca).

Per me, il miglior dentifricio in commercio in Italia e nel mondo.

Perchè oltre a eliminare la sensibilità , ripara, protegge ed aiuta a creare un nuovo strato sopra allo smalto dall'estetica favolosa, poichè l'idrossiapatite è bianca.

Ho cominciato a suggerirlo ai forti fumatori e più passava il tempo, meno i loro denti si macchiavano.
Perchè?
Perchè più il dentifricio riparava e creava un nuovo strato, più lo smalto era liscio e non danneggiato dai prodotti "whitening" , meno i pingmenti aderivano al dente e più questo si manteneva bianco.

Biorepair plus protezione totale si trova in farmacia, ma anche su amazon. Qui sotto il link diretto all'acquisto del prodotto da farmacia


Molti di voi mi chiedono, ma quello al supermercato non va bene?
Sì, certo che va bene, ma contiene meno prodotto, infatti la confezione è differente.
Inoltre, se devo scegliere quale Biorepair suggerire di acquistare al supermercato io preferisco Biorepair Pro Scudo Attivo, perchè è quello che più assomiglia al Biorepair da farmacia.
Anche questo lo trovate su Amazon, addirittura in offerta il pacco da 4.

Commenti

Post popolari in questo blog

E poi ci sono quelli che confondono l'informazione professionale con la marketta

Oggi è una Domenica diversa, successiva a un Sabato trascorso con colleghi ed amici, tra professione e divertimento. Ed ho voglia di raccontarvi come è andata e quali sono le conclusioni che ho tratto.



Ma partiamo dal principio. In un post precedente vi avevo raccontato come tutto fosse iniziato, in un inverno, partendo da un video su facebook (che non trovo più) dove descrivevo una delle prime alternative al fumo per combustione, IQOS - Superare i tabù e parlare seriamente di aternativa al fumo di sigaretta

Da quel giorno è iniziata una corrispondenza interessante tra me e il dott. Luigi Godi, medico chirurgo, da sempre nel settore della ricerca farmaceutica, passato a Philip Morris, non perchè markettaro (come molti son soliti pensare), ma perchè ha trovato la serietà e le garanzie e le peculiarità di ricerca e studi che si ritrovano nel settore del farmaco.

Come sempre, quando qualcosa di nuovo capita nel mio ambito professionale, mi confronto con il collega, amico e consigliere, …

Un venerdì particolare...a 360 grammi!!!

Sono tornata a casa da poco meno di mezz'ora, è l'1.22 di notte mentre scrivo.
Sono agitata, pensierosa, piena di idee e allo stesso tempo molto confusa, preoccupata ed eccitata... sono Alice nel limbo del " ho sonno, ma non riesco a dormire e quindi scrivo".

No! Niente post professionali stanotte. Nessun consiglio, niente appagamento dell'ego...voglio solo scrivere.


Scrivere perchè non posso fare altro, sono in un'attesa strana, in quel momento della vita in cui arrivano mille occasioni diverse tutte insieme, proprio quando vorresti un po' di quiete per poterti godere la tua vita.

Dopo la dura lezione ricevuta dalla vita a Dicembre sono successe tante di quelle cose che oggi posso solo dire che aveva ragione la Chicca Scagnetto, era in arrivo un grande, immenso, incredibile e devastante cambiamento.
Un cambiamento inaspettato da ogni fronte: lavorativo, professionale, amoroso, amicale, di salute e di vita.
Un cambiamento fantastico, che se non fossi sta…

Ho fondato la mia prima società - Dental-price.it

Era il 24 Gennaio 2018 ed ero letteralmente a pezzi.
Quello che credevo essere l'uomo con cui avrei creato una famiglia e trascorso la mia vita un giorno, come nelle barzellette, è uscito e non è tornato più, ma lui nemmeno fuma, quindi mi ha solo detto " vado a lavorare ci vediamo tra qualche giorno", doveva andare a Roma e tornare.
Ma evitiamo di rivangare questa triste storia.

Dicevamo....era  il 24 Gennaio 2018 ed ero letteralmente a pezzi.
Una vecchia compagna di scuola mi dice che vorrebbe parlarmi di un'idea che ha avuto. Sì, avete letto bene, una compagna di scuola, precisamente del liceo scientifico, che non vedevo da 24 anni circa.
Ricordo che mi aveva scritto un anno prima per chiedermi il mio numero perchè voleva sapere qualche cosa di più di oralcare.pro, ma poi non l'avevo mai sentita.
Vabbè lei mi dice che vorrebbe parlarmi di un'idea ed io praticamente le scoppio a piangere al telefono, l'ho detto no " ero letteralmente a pezzi"…