Passa ai contenuti principali

Biorepair è il dentifricio che ripara lo smalto rendendolo più bianco.

Era il 2009 quando ho cominciato a utilizzare personalmente ed a consigliare il dentifricio Biorepair.
Era molto difficile trovarlo e sovente i pazienti rinunciavano, tornando ai classici dentifrici per denti sensibili.


Sì, la prima problematica per cui avevo cominciato a indicarlo era proprio la sensibilità dei denti (le gengive sensibili non esistono) .

Negli anni avevo riscontrato un sempre maggior aumento di sensibilità, legato ad alcuni fattori comuni, quasi a tutti:

  • utilizzo di dentifrici "whitening" o con microgranuli
  • aumentato consumo di bevande zuccherate e bibite conservate (anche succhi di frutta)
  • problematiche gastrointestinali con manifestazioni di reflusso o acidità di stomaco.

Prima di scoprire Biorepair consigliavo i classici prodotti che tutti conoscete, da Elmex a Sensodyne, ma dovendo accettare l'effetto collaterale estetico che provocava l'utilizzo continuativo del prodotto.
Ebbene sì i denti diventavano regolarmente più scuri, imbruniti, e questo era motivo di profondo dispiacere per i pazienti, togliendogli la voglia di sorridere.

Potete ben capire che non potevo permettere che i miei pazienti per non sentire sensibilità dovessero però rinunciare all'estetica, altrettanto che per non rinunciare all'estetica dovessero rinunciare a una dentatura sana.

Così ho cominciato a provarli tutti, avendo io sia l'esigenza di un dente esteticamente bello , sia problemi di sensibilità dovuti (ma questo lo so 10 anni dopo) a reflusso grave.
Nessuno raggiungeva entrambi gli obiettivi: estetica e assenza di sensibilità.

FInchè provai Biorepair total plus (si chiamava così prima) e fu subito un grande amore.

Oggi ha cambiato nome e si chiama

Biorepair plus protezione totale, è riconoscibile perchè il pacchetto ha una croce verde (che si distingue dalla rossa e dalla blu e dalla bianca).

Per me, il miglior dentifricio in commercio in Italia e nel mondo.

Perchè oltre a eliminare la sensibilità , ripara, protegge ed aiuta a creare un nuovo strato sopra allo smalto dall'estetica favolosa, poichè l'idrossiapatite è bianca.

Ho cominciato a suggerirlo ai forti fumatori e più passava il tempo, meno i loro denti si macchiavano.
Perchè?
Perchè più il dentifricio riparava e creava un nuovo strato, più lo smalto era liscio e non danneggiato dai prodotti "whitening" , meno i pingmenti aderivano al dente e più questo si manteneva bianco.

Biorepair plus protezione totale si trova in farmacia, ma anche su amazon. Qui sotto il link diretto all'acquisto del prodotto da farmacia


Molti di voi mi chiedono, ma quello al supermercato non va bene?
Sì, certo che va bene, ma contiene meno prodotto, infatti la confezione è differente.
Inoltre, se devo scegliere quale Biorepair suggerire di acquistare al supermercato io preferisco Biorepair Pro Scudo Attivo, perchè è quello che più assomiglia al Biorepair da farmacia.
Anche questo lo trovate su Amazon, addirittura in offerta il pacco da 4.

Commenti

Post popolari in questo blog

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…