Passa ai contenuti principali

Voglio i denti bianchi, che dentifricio uso?

Questa la domanda che mi fate più spesso.
Sarebbe comodo rispondervi che basta usare un prodotto ed è tutto semplice, ma non è così.
Non basta esprimere un desiderio, pagare un professionista e puff eccovi i denti bianchi .
" L'erba voglio non esiste neanche nel giardino del Re".


Ci vuole allenamento, come per avere il culo tonico o meno pancia.
Alla base di un sorriso in forma, da mostrare con orgoglio e soddisfazione, c'è un corretto spazzolamento dei denti.
Eh non abbiatevene a male se vi dico, "usate lo spazzolino elettrico, il sonico od il rotoscillante", ma fidatevi se vi dico che la vostra manualità non sarà mai performante ed adeguata come uno strumento studiato per spazzolarvi i denti.
Personalmente prediligo il sonico, in particolare il Philips Sonicare e, benché me ne abbiano appena regalato uno nero, bellissimo, non ve ne parlo per questo. I benefici li ho visti personalmente ve li possono confermare centinaia di pazienti, il design poi è una chicca in più.


Devo però dire che il nuovo Genius Oral B è un buon e bel  prodotto, la batteria al litio gli permette di mantenersi performante anche da quasi scarico, anche se ancora sembra di avere un trattore in bocca, si è dimostrato competitivo rispetto al passato, anche se, diciamo che preferisco , ancora, il rumore dell'ape (benché ne abbia timore, son meno fastidiose per l'udito).
Buon prodotto , ma continuo a preferire Philips, comunque sempre meglio del manuale, magari enorme e che sta in bagno da 6 mesi o come quello della Ferragni :)


A questi però non può mancare l'accoppiamento degli scovolini e del pulisci-lingua. Al momento non può fare tutto un unico strumento, quindi armatevi di pazienza e spendete 4 minuti del vostro tempo per il vostro sorriso, che poi è il vostro biglietto da visita, non dimenticatelo.



Ma non esistono pozioni magiche, esistono professionisti che insieme a voi possono trovare un percorso per dare al vostro sorriso lo spazio che merita.



Sorrido quando mi proponete intrugli magici con cocco bicarbonato o fragole, senza pensare che se tutto fosse semplice, tutti avrebbero i denti delle star.
Le variabili, e si miei cari, le variabili che si creano nella bocca di ciascuno di noi, sono tantissime. Su qualcuno funzionerà pure l'intruglio con le fragole, ma su molti altra creerà erosioni ed altri piccoli o grandi problemi.

Sicuramente una dieta corretta mantiene anche la bocca sana, ma non esula dall'uso dello scovolino il fatto che trituriate carote giornalmente , per dire!


Provate ad affidarvi, a capire la differenza tra specialista e pubblicità. Vi vendono le supposte all'ora di cena! C'è qualche cosa di sadico in loro, in chi studia il target e propone le pubblicità. Dai!



Sarebbe ora di smetterla di credere alle bombe in bocca e di affidarsi e fidarsi maggiormente a chi studia, sperimenta e prova giornalmente per voi i prodotti che arrivano in commercio.
Non avete idea di quanto confronto e scontro ci sia riguardo a tutto. Anche se poi le grandi aziende vi dicono " consigliato dai dentisti", sono gli igienisti dentali che li provano e ne valutano la veridicità o meno delle "promesse". Alcuni fanno davvero ciò che dicono, altri fanno danni però!



Oggi io vi potrei dire che invece di provare a sbiancare, dovreste nutrire i vostri denti. Più li nutrite, più sono lisci e sani, meno aderiscono depositi e pigmenti.
Perché, vero, le vostre nonne usavano il bicarbonato (e ora molte han la protesi mobile però), ma nel 2017 ci sono alternative molto più interessanti e meno aggressive e a 90 anni avrete ancora i vostri denti, magari.
Se poi li volete proprio più chiari, inutile accanirvi, vi serve per forza un trattamento professionale.
Se volete lasciarvi illudere dagli effetti ottici dei nuovi dentifrici, va benissimo, parliamone insieme. Ma se il vostro obiettivo è un sorriso più luminoso e di tonalità più accesa, allora il vostro posto è la poltrona di un'igienista dentale, magari la mia.

Se vuoi saperne di più sull'app Oralcare Pro, sezione Beauty, sbiancamento dentale.
Se vuoi un appuntamento con me qui trovi i luoghi in cui collaboro




Non vi ho convinti?
Volete sapere cosa faccio io?
Beh vedete, dopo una accurata seduta di igiene, o più, perché a volte ne servono più di una, perché ci sono delle tasche, delle nicchie batteriche.
dopo aver insegnato a usare scovolino e spazzolino adeguato
Sono solita consigliare dentifrici con microriparatori, nutrienti, spesso accompagnati da compresse,spray o schiume per riequilibrare il ph. Perché più un dente è sano, liscio, meno è facile una adesione e quindi pigmentazione.
Ovviamente è interessante conoscere abitudini alimentari, se si è grandi bevitori di tè sarà necessario prendere piccole accortezze, ad esempio. O se ci sono problematiche gastrointestinali potrei proporre terapie di prevenzione dell'erosione da acidi.
La lattoferrina e l'acido ialuronico sono due componenti che non mancano mai nei miei consigli, trovo che migliorare la componente salivare del paziente e la risposta dei tessuti molli, sia di grande beneficio all'intero cavo orale.
Però ognuno è un paziente a se, non esiste la soluzione uguale per tutti, per questo ho scritto questo lungo post che non vi dice molto. Credo sia necessario vi rivolgiate a dei professionisti e smettiate di cercare soluzioni fai da te su internet. Io, dopo 14 anni di professione, ancora non l'ho trovata :)



Non sono in grado di conoscere tutto ciò che esiste in commercio... provo a rimanere aggiornata però! Ricordatevi che molto è puro marketing, senza alcun beneficio per il sorriso.

Dott.ssa Alice Alberta Cittone
Igienista Dentale
Project Leader Oralcare Pro







Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.