Passa ai contenuti principali

Conoscere, evitare e/o diminuire gli effetti collaterali di chemio e radio terapia nella cavità orale

Post aggiornato nel 2017 qui Evitare o diminuire sintomi da bocca che brucia

Quello che deve sopportare il paziente oncologico è un percorso: duro, doloroso, pesante e lungo. 
Per questo motivo, dovrebbe essere compito e dovere di ogni professionista della salute, far in modo di poter alleviare il più possibile ogni effetto collaterale del percorso di guarigione. 
 Tra i principali problemi delle terapie tumorali ci sono numerose patologie e disturbi alla bocca che potrebbero essere alleviati, o addirittura, evitati se le persone venissero semplicemente preparate al problema. 
Come ? 
 Io, Alice, vi do i miei suggerimenti, che derivano da 10 anni di esperienza sul campo e vari protocolli di prevenzione di alcuni centri oncologici all'avanguardia in Italia. 

 Prima di tutto prevenire.

 Qualora sappiate di dovervi , purtroppo, sottoporre a terapia chemio o radio il primo consiglio è : 
andate a farvi fare una bella detartrasi ( pulizia dei denti) e una applicazione professionale di fluoro (aiuterà ad evitare patologie dolorosissime che possono presentarsi se la bocca non è completamente in salute). 

 Cosa può succedere durante o dopo le terapie : 
  • Xerostomia totale o parziale (assenza totale o parziale di saliva): questa è una delle conseguenze più frequenti, la diminuzione o mancanza totale di saliva. Porta a delle conseguenze dolorose e nefaste se non c'è un buon piano di prevenzione e controllo.



Cosa fare nel caso si manifestasse questo problema ?
  •  prima di tutto bere molto e spesso acqua o acqua e limone (il limone facilita la salivazione ed aiuta nelle nausee da chemioterapia);
  •  acquistare ORAL BALANCE (gel salivare, sostituto della saliva ) della Biotene  .Questo gel contiene sostanze che aiutano a sostituire la saliva ed a tenere le gengive, le guance, la lingua umide. Va applicato (al bisogno) su guance, lingua e gengive con le dita pulite, in abbondanza. Va applicato la notte prima di coricarsi e quando è previsto un lungo tempo senza poter bere acqua. 

  • A questo gel consiglio di affiancare anche il dentifricio ed il colluttorio della stessa casa (biotene ) ,poichè contiene enzimi che aiutano molto a tenere umida la mucosa orale. 

  •  oppure (al posto o insieme al gel salivare) acquistare Vea Oris (spray orale con vitamina e, senza conservanti e testato per allergici ) della Vea. Questo spray va utilizzato come il gel salivare, spruzzato su gengive, guance, lingua più volte al giorno, secondo le necessità, per mantenere la bocca umida ;

  • acquistare PERIOBALANCE (compresse o cewingum di probiotici/fermenti lattici per la bocca) della Gum/Sunstar. Questi probiotici aiutano a mantenere la flora batterica orale in equilibrio. Possono essere assunti ininterrottamente anche per 12 mesi consecutivi (1 al giorno, mai più di 1 ). Sono al gusto di menta. Vanno succhiati (caramelle) o masticati (cewingum), ma non trangugiati (altrimenti i fermenti non si fermano in bocca); a bocca pulita, preferibilmente la mattina.

  •  oppure, al posto del periobalance, fare sciacqui , più volte al giorno (ma soprattutto la sera prima di coricarsi) con acqua e bicarbonato (1 bicchiere d'acqua con 1 cucchiaino da caffè di bicarbonato ben mescolati) , per riportare in equilibrio la flora batterica orale .


  •  Sindrome della bocca urente (bocca che brucia) : anche questa patologia è molto frequente, e purtroppo difficile da controllare. Questa sindrome è realmente molto dolorosa. Sono poche le cose che si possono fare. E' una diretta conseguenza della carenza di saliva, quindi il consiglio è di seguire gli stessi consigli dati sopra per la xerostomia. 

  •  Mucosite: (infiammazione della mucosa orale). Anche questa patoligia è presente in 1 paziente su 3 ed è una diretta conseguenza della chemioterapia pesante e della radioterapia testa collo. In questo caso la prevenzione è fondamentale. Bisogna avere la bocca sana e ben pulita prima di sottoporsi alle terapie. 
Nel caso si manifestasse servono sempre gli stessi consigli della xerostomia, con alcune aggiunte.
  1. non assumere alcolici o le sostanze conteneti caffeina
  2.  non fumare 
  3. avere una alimentazione ricca di frutta e verdure e vitamine 
  4. diminuire l'assunzione di proteine 
  5. avere una dieta equilibrata 
  6. non assumere caramelle o cewingum contenenti zucchero 
  7. evitare cibi caldi, speziati, troppo salati, acidi e piccanti 
  8. preferire una dieta semiliquida 
  9. lavarsi sovente i denti , comunque dopo ogni pasto. 

  •  Carie al colletto e ipersensibilità del dente (al freddo ed al caldo): questa è una conseguenza tipica, in un paziente su due, dei pazienti sottoposti a radioterapia testa collo. La radioterapia, sempre x la diminuzione salivare, va a incidere violentemente sul colletto dei denti (lo spazio di dente a contatto con la gengiva), provocando una sensibilità al freddo e caldo (anche solo a respirare l'aria) e delle carie dolorose al colletto. 

Cosa fare ?

 Prevenire prima di tutto: 
curare tutti i denti prima di sottoporsi a radioterapia e nei casi a rischio togliere i denti difficili da curare (meglio senza un dente che con un dolore atroce ).
 fare una accurata seduta di pulizia dei denti 

Fluoroterapia : 
  1. consiglio applicazioni di fluoro a livello professionale in studio prima , durante e dopo la radioterapia (fino a 1 anno dopo, ogni 3 mesi).
  2.  Evitare di assumere cibi troppo acidi , soprattutto succhi di frutta e bibite gasate che corrodono lo smalto.

  1.  Acquistare dentifricio biorepair total plus (iniziare a usarlo prima della terapia) . Se non ti piace prova Sensodyne Ripara&Proteggi 


  1. Acquistare elmex gel (ci vuole la ricetta ) , applicarlo 1 volta a settimana, dopo aver ben lavato i denti, spalmarlo per 2 minuti sui denti . Dopo non bere/mangiare/fumare x 45 minuti e non assumere latticini x 2 ore. 

  1.  Acquistare colluttorio Listerine Smart Rinse (frutti rossi) , utilizzare per sciacquarsi la bocca quando non possiamo proprio lavarci i denti dopo i pasti (non usare se si hanno mucosite, xerostomia o bocca che brucia poichè può aumentare il dolore ) 



 ATTENZIONE DURANTE TUTTO IL PERIODO DI CHEMIO E RADIO E PER I 6 MESI SUCCESSIVI USATE SPAZZOLINI MOLTO MORBIDI , SE LA CONTA DELLE PIASTRINE E' SOTTO I LIMITI NON USATE SPAZZOLINO O FILO O SCOVOLINO , MA SOLO UNA GARZA STERILE, MI RACCOMANDO , PER PULIRE I DENTI. 
 IMPORTANTISSIMO 
RICORDATEVI CHE LA BOCCA SI PULISCE SPAZZOLANDO DALLA GENGIVA VERSO LA FINE DEL DENTE, MAI CONTRO LA GENGIVA, MAI DESTRA E SINISTRA..
.E' FONDAMENTALE. 

 Spero di esservi stata utile. Per dubbi, problemi o altro, sono qui. chiedete è gratis.

Commenti

  1. Gentile Alice
    chiedevo se lo stesso tipo di trattamento è indicato anche per soggetti affetti da sindrome di sjogren e quindi con problemi orali legati a bocca secca, xerostomia,bruxismo e lingua urente.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adele, oserei dire si, anche se, purtroppo, molti dei prodotti che qui, cito oggi non sono più in vendita in Italia o adesso ne esistono di nuovi e migliori. Mi dai lo spunto per creare un nuovo post a riguardo. Lo faccio subito così non mi scordo.
      Dott.ssa Alice

      Elimina
    2. Mi preme però sottolineare come il problema del bruxismo, non sia per forza correlato alla Sindrome di Sjogren. Provo a spiegarmi. Il bruxismo può essere dovuto a fattori di stress, come a problemi di malocclusione o di tensione muscolare. Sicuramente soffrire di una patologia cronica è fonte di stress, ma rivolgendosi ad un bravo gnatologo potrebbe almeno placare un disturbo, fastidioso e doloroso come il bruxismo, penso.
      Per quanto riguarda la bocca secca e che brucia, il problema può essere gestito con dei prodotti per tamponarlo, mitigarlo, alleviarlo, ma per risolverlo, purtroppo va risolta prima la patologia sistemica.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Black is the new BlanX! Il nuovo dentifricio provato per voi.

È nato da poco un nuovo dentifricio della famiglia Coswell: BlanX Black ai carboni attivi.

Lo sto provando e posso dire che come tutti i BlanX è delicato, dal sapore piacevole senza essere troppo invadente ed illumina subito il sorriso.

Vorrei poi segnalare una cosa che non sapevo e mi ha dato qualche bella idea per bimbi poco vogliosi di lavarsi i denti. Ai bambini avere tutta la bocca grigia ( perchè la schiuma diventa grigia) piace tantissimo e li stimola a lavarsi a lungo i denti. La figlia del mio fidanzato non vedeva l'ora di provarlo ed è stata 5 minuti a lavarsi i denti guardandosi con attenzione.

Attenzione è un dentifricio per adulti, quindi non può essere usato quotidianamente se ci sono numerosi denti da latte, ma avendo un basso potere abrasivo può aiutare nella motivazione dei più piccoli.

Per saperne di più, se siete colleghi potete trovare tutte le info nel gruppo Coswell Oral Care Club di facebook a questo link https://www.facebook.com/groups/738041049880735/perm…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

Famiglia è chi condivide il portaspazzolino (cit. Ikea)

La splendida risposta di Ikea al congresso di Verona.