Passa ai contenuti principali

Afte in bocca ? Campanello d'allarme per intolleranze e celiachia

Una volta si diceva " afta da trincea o da studente", così ancora le studiai io nel lontano 1999/2000.


 Le afte in bocca (quelle bollicine col puntino bianco ed il contorno rosso che compaiono spesso su lingua labbra e guance) sono sempre state ad eziologia sconosciuta e spesso considerate una causa consecutiva ad uno stress traumatico (matita in bocca mi faccio male, prendo le impronte ortodontiche e mi infastidisce, faccio l'impianto e mi bucano l'osso) o uno stress psicologico (appunto in guerra in trincea o gli studenti sotto esame).



  Certo che dare la colpa di tutto allo stress diviene un ulteriore stress per le persone.
 Ma la ricerca è proseguita e se già da decenni oltre allo stress veniva indicata anche la carenza di assimilazione vitaminica , in particolare il complesso vitaminico b ed ancora più specificatamente b12, adesso le afte iniziano ad avere un ruolo fondamentale per la prevenzione o diagnosi precoce di patologie da intolleranza od allergia ad alimenti specifici. 




Se ne parla dal 2009, ma è da quest'anno che ci sono linne guida specifiche su cui basarsi. Le afte in bocca sono il primo campanello dall'allarme per intolleranze alimentari e nello specifico per l'INTOLLERANZA AL GLUTINE o proprio per LA CELIACHIA. 

 Quando quindi allarmarsi? 

 No, se ti è capitato di rado di avere qualche afta non è il tuo caso, sicuramente era un momento di stress. 

Si, se sovente, 4 volte l'anno o più si presentano e ripresentano le afte da anni, tu devi recarti dalla tua igienista dentale o dentista , valutare con lei/lui se ci sono altre cause nella tua bocca che possano portare alle afte (protesi incongrue, otturazioni rotte, abuso di collutori e dentifrici ), dopodichè saranno direttamente loro ad inviarti dal tuo medico di base e a suggerire che ti prescriva :il test Anti-transglutaminasi. 




N.B. Mi raccomando MAI USARE COLLUTORI A BASE ALCOLICA QUANDO SI PRESENTANO QUESTE FORME AFTOSICHE .
Mi raccomando utilizzare prodotti a base di aloe o specifici per afte o traumi in bocca come Alovex, Aftamed, Bucagel, Film os (questo è l'unico che si può detrarre con il codice fiscale come farmaco) , vea oris spry orale.....

Commenti

Post popolari in questo blog

Black is the new BlanX! Il nuovo dentifricio provato per voi.

È nato da poco un nuovo dentifricio della famiglia Coswell: BlanX Black ai carboni attivi.

Lo sto provando e posso dire che come tutti i BlanX è delicato, dal sapore piacevole senza essere troppo invadente ed illumina subito il sorriso.

Vorrei poi segnalare una cosa che non sapevo e mi ha dato qualche bella idea per bimbi poco vogliosi di lavarsi i denti. Ai bambini avere tutta la bocca grigia ( perchè la schiuma diventa grigia) piace tantissimo e li stimola a lavarsi a lungo i denti. La figlia del mio fidanzato non vedeva l'ora di provarlo ed è stata 5 minuti a lavarsi i denti guardandosi con attenzione.

Attenzione è un dentifricio per adulti, quindi non può essere usato quotidianamente se ci sono numerosi denti da latte, ma avendo un basso potere abrasivo può aiutare nella motivazione dei più piccoli.

Per saperne di più, se siete colleghi potete trovare tutte le info nel gruppo Coswell Oral Care Club di facebook a questo link https://www.facebook.com/groups/738041049880735/perm…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

Famiglia è chi condivide il portaspazzolino (cit. Ikea)

La splendida risposta di Ikea al congresso di Verona.