Passa ai contenuti principali

Quando un caffè può fare la differenza (1caffe.org)

Era parecchio tempo che non prendevo un treno all'alba per lavoro, ma non è per questo motivo che il caffè può fare la differenza, anche perchè purtroppo io non posso berlo, mi fa male più di un dolce al cioccolato o di una costina di maiale...ho imparato a svegliarmi con i buoni propositi la mattina, ma diciamo la verità, non è proprio la stessa cosa 😜

stazione di porta nuova prima dell'alba. direzione Bologna

Conoscete quella bella abitudine nata nei bar di Napoli chiamata " un caffè sospeso"?
Si tratta di un gesto tanto semplice quanto bellissimo, quando un napoletano va al bar a prendersi un caffè lascia pagato un caffè per chi non può permetterselo, che poi può trasformarsi in una brioche, in un panino od in ciò che il barista ritiene meglio per chi passerà a richiedere il suo " caffè sospeso". Si chiama solidarietà, quella buona, semplice e che non si impone, si fa.

Sullo stesso concetto si basa la onlus 1Caffè , ogni 7 giorni propone un progetto di solidarietà da sostenere invitandoti a donare il prezzo di 1 caffè o di 1 colazione (1,70 € o 5 € ) e ti permette di farlo in ogni modo: con bonifico, con Satispay, con Paypal, con Tinaba o donando il tuo 5x1000

tutti i modi per donare 1caffè


Vi parlo di questa onlus, non solo perchè la sostengo da tempo e credo fortemente nella serietà del progetto, conoscendo gran parte di coloro che l'hanno fondata e che se ne occupano, ma perchè un collega ed amico, il dott. Andrea Butera, ha sviluppato un progetto che 1Caffè ha scelto di promuovere, proprio in questa settimana (dal 10 al 16 Settembre 2018).

 " Oral care" di AGAL- Associazione e amici del bambino leucemico Onlus. 

Il progetto si sviluppa presso l'area pediatrica della fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia ed ha lo scopo di educare e promuovere all'igiene orale per migliorare la salute generale di questi bambini.



Immagino già le vostre facce? Lavarsi i denti aiuta a migliorare la salute di un bambino leucemico?
Sì! Sì perchè i farmaci e le terapie a cui sono sottoposti hanno effetti devastanti nel cavo orale e questi effetti hanno conseguenze quindi sulla capacità di alimentarsi, di bere, di aver voglia di farlo, ma anche di comunicare, di riuscire a sorridere senza dolore.



Sapete quale è una tra le principali cause di insuccessi delle terapie oncologiche, in generale?
Gli effetti collaterali in bocca, con conseguente interruzione dell'alimentazione, con conseguente deperimento del corpo, con conseguente...lascio a voi immaginare il finale.

Non voglio destabilizzarvi troppo.
Vi invito però a donare un caffè o una colazione cliccando su questo link Offri un caffè - Dona adesso

Come vi ho detto conosco personalmente sia chi segue la onlus 1caffè, che chi segue il progetto a Pavia, garantisco io che il vostro caffè andrà destinato a chi deve andare.

Buona giornata a tutti....sono le 7.16 ed il sole è sorto, il mio treno è già partito ed io ho già donato una colazione per il progetto.






Commenti

Post popolari in questo blog

E poi ci sono quelli che confondono l'informazione professionale con la marketta

Oggi è una Domenica diversa, successiva a un Sabato trascorso con colleghi ed amici, tra professione e divertimento. Ed ho voglia di raccontarvi come è andata e quali sono le conclusioni che ho tratto.



Ma partiamo dal principio. In un post precedente vi avevo raccontato come tutto fosse iniziato, in un inverno, partendo da un video su facebook (che non trovo più) dove descrivevo una delle prime alternative al fumo per combustione, IQOS - Superare i tabù e parlare seriamente di aternativa al fumo di sigaretta

Da quel giorno è iniziata una corrispondenza interessante tra me e il dott. Luigi Godi, medico chirurgo, da sempre nel settore della ricerca farmaceutica, passato a Philip Morris, non perchè markettaro (come molti son soliti pensare), ma perchè ha trovato la serietà e le garanzie e le peculiarità di ricerca e studi che si ritrovano nel settore del farmaco.

Come sempre, quando qualcosa di nuovo capita nel mio ambito professionale, mi confronto con il collega, amico e consigliere, …

Un venerdì particolare...a 360 grammi!!!

Sono tornata a casa da poco meno di mezz'ora, è l'1.22 di notte mentre scrivo.
Sono agitata, pensierosa, piena di idee e allo stesso tempo molto confusa, preoccupata ed eccitata... sono Alice nel limbo del " ho sonno, ma non riesco a dormire e quindi scrivo".

No! Niente post professionali stanotte. Nessun consiglio, niente appagamento dell'ego...voglio solo scrivere.


Scrivere perchè non posso fare altro, sono in un'attesa strana, in quel momento della vita in cui arrivano mille occasioni diverse tutte insieme, proprio quando vorresti un po' di quiete per poterti godere la tua vita.

Dopo la dura lezione ricevuta dalla vita a Dicembre sono successe tante di quelle cose che oggi posso solo dire che aveva ragione la Chicca Scagnetto, era in arrivo un grande, immenso, incredibile e devastante cambiamento.
Un cambiamento inaspettato da ogni fronte: lavorativo, professionale, amoroso, amicale, di salute e di vita.
Un cambiamento fantastico, che se non fossi sta…

Ho fondato la mia prima società - Dental-price.it

Era il 24 Gennaio 2018 ed ero letteralmente a pezzi.
Quello che credevo essere l'uomo con cui avrei creato una famiglia e trascorso la mia vita un giorno, come nelle barzellette, è uscito e non è tornato più, ma lui nemmeno fuma, quindi mi ha solo detto " vado a lavorare ci vediamo tra qualche giorno", doveva andare a Roma e tornare.
Ma evitiamo di rivangare questa triste storia.

Dicevamo....era  il 24 Gennaio 2018 ed ero letteralmente a pezzi.
Una vecchia compagna di scuola mi dice che vorrebbe parlarmi di un'idea che ha avuto. Sì, avete letto bene, una compagna di scuola, precisamente del liceo scientifico, che non vedevo da 24 anni circa.
Ricordo che mi aveva scritto un anno prima per chiedermi il mio numero perchè voleva sapere qualche cosa di più di oralcare.pro, ma poi non l'avevo mai sentita.
Vabbè lei mi dice che vorrebbe parlarmi di un'idea ed io praticamente le scoppio a piangere al telefono, l'ho detto no " ero letteralmente a pezzi"…