Passa ai contenuti principali

Quando un caffè può fare la differenza (1caffe.org)

Era parecchio tempo che non prendevo un treno all'alba per lavoro, ma non è per questo motivo che il caffè può fare la differenza, anche perchè purtroppo io non posso berlo, mi fa male più di un dolce al cioccolato o di una costina di maiale...ho imparato a svegliarmi con i buoni propositi la mattina, ma diciamo la verità, non è proprio la stessa cosa 😜

stazione di porta nuova prima dell'alba. direzione Bologna

Conoscete quella bella abitudine nata nei bar di Napoli chiamata " un caffè sospeso"?
Si tratta di un gesto tanto semplice quanto bellissimo, quando un napoletano va al bar a prendersi un caffè lascia pagato un caffè per chi non può permetterselo, che poi può trasformarsi in una brioche, in un panino od in ciò che il barista ritiene meglio per chi passerà a richiedere il suo " caffè sospeso". Si chiama solidarietà, quella buona, semplice e che non si impone, si fa.

Sullo stesso concetto si basa la onlus 1Caffè , ogni 7 giorni propone un progetto di solidarietà da sostenere invitandoti a donare il prezzo di 1 caffè o di 1 colazione (1,70 € o 5 € ) e ti permette di farlo in ogni modo: con bonifico, con Satispay, con Paypal, con Tinaba o donando il tuo 5x1000

tutti i modi per donare 1caffè


Vi parlo di questa onlus, non solo perchè la sostengo da tempo e credo fortemente nella serietà del progetto, conoscendo gran parte di coloro che l'hanno fondata e che se ne occupano, ma perchè un collega ed amico, il dott. Andrea Butera, ha sviluppato un progetto che 1Caffè ha scelto di promuovere, proprio in questa settimana (dal 10 al 16 Settembre 2018).

 " Oral care" di AGAL- Associazione e amici del bambino leucemico Onlus. 

Il progetto si sviluppa presso l'area pediatrica della fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia ed ha lo scopo di educare e promuovere all'igiene orale per migliorare la salute generale di questi bambini.



Immagino già le vostre facce? Lavarsi i denti aiuta a migliorare la salute di un bambino leucemico?
Sì! Sì perchè i farmaci e le terapie a cui sono sottoposti hanno effetti devastanti nel cavo orale e questi effetti hanno conseguenze quindi sulla capacità di alimentarsi, di bere, di aver voglia di farlo, ma anche di comunicare, di riuscire a sorridere senza dolore.



Sapete quale è una tra le principali cause di insuccessi delle terapie oncologiche, in generale?
Gli effetti collaterali in bocca, con conseguente interruzione dell'alimentazione, con conseguente deperimento del corpo, con conseguente...lascio a voi immaginare il finale.

Non voglio destabilizzarvi troppo.
Vi invito però a donare un caffè o una colazione cliccando su questo link Offri un caffè - Dona adesso

Come vi ho detto conosco personalmente sia chi segue la onlus 1caffè, che chi segue il progetto a Pavia, garantisco io che il vostro caffè andrà destinato a chi deve andare.

Buona giornata a tutti....sono le 7.16 ed il sole è sorto, il mio treno è già partito ed io ho già donato una colazione per il progetto.






Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.