Passa ai contenuti principali

La prima pubblicità in cui si cita l'igienista dentale è di Biorepair


Lavoro come igienista dentale da 16 anni e da sempre collaboro fianco a fianco di dentisti ed odontoiatri.
Diciamoci la verità, non saprei lavorare senza di loro, senza i loro pazienti, senza i loro obiettivi, senza le sfide che giornalmente mi pongono. "Alice deve essere pronto in massimo 3 mesi per la chirurgia" "Alice fai la magia dobbiamo cominciare l'ortodonzia entro il prossimo mese" "Alice pensaci tu, non ne vuole sapere di chiurgia" "Alice per questa sensibilità" "Alice cosa facciamo per queste gengive" "Alice mandi la foto ai patologi" "Alice che dici il paziente può fare sbiancamento?"
I colleghi odonto e dentisti con cui ho lavorato e lavoro mi hanno insegnato tanto e continuano a farlo, ma hanno anche sempre riconosciuto che in certe cose ero più brava di loro. Non perché genio, ma perchè loro devono occuparsi di tante branche diverse, io solo di una, la prevenzione!
Ecco perché ho sempre mal digerito le pubblicità bugiarde che dicono " consigliato dai dentisti italiani", perchè i dentisti non consigliano spazzolini e dentifrici, demandano il compito a chi ne sa più di loro, perchè giornalmente si occupano di questo.  Noi igienisti dentali. 

La 1°pubblicità italiana che ci cita è di un'azienda #madeinItaly Coswell S.p.A. #biorepair.  
Casualmente è anche l'azienda in cui credo di più, i cui prodotti funzionano veramente, dove l'innovazione è vera e la professiinalità è alta. 
Che dire! 
Grazie





Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.