Passa ai contenuti principali

La ricerca conferma la mia pratica clinica., Bioprepair è il top!!!

A proposito di come la ricerca confermi la mia clinica. 😎
Alcuni anni fa, ad un corso sulla gestione del paziente ortodontico ( non ricordo proprio quale) un ortodontista insistette molto sul
"non utilizzare fluoro per minimo 30 giorni prima di fare il bonding ortodontico" .
👀 Perchè? Complotto? 🤣
Perchè aveva rilevato che la terapia con fluoro facilitava notevolmente il distacco dei brackets .
Fu l'unico a cui lo sentii dire, ma visto che avevo un alto numero di pazienti ortodontici ho cominciato a seguire il consiglio ed a vedere che, effettivamente, evitando terapie fluorate e preferendo l'utilizzo di Biorepair, finalmente i brackets non si stacavano più.
🤔 Caso? Era l'ortodontista a sbagliare?
Questo studio in vivo dimostra che effettivamente il fluoro è quello con cui il distacco delle piastrine è più facile che avvenga e in modo continuativo, inoltre mostra come l'utilizzo di TOOTHMOSSE o di BIOREPAIR , al contrario, permettano un ottimo bonding ed, aggiungo io, garantendo la stessa protezione da erosioni, demineralizzazioni e carie.
➡️Qui il link allo studio in vivo di Gianguido Cossellu,Valentina Lanteri,Andrea Butera,Michele Sarcina &Giampietro Farronato
pubblicato il 14 Apr 2015
https://www.tandfonline.com/…/full/10…/23337931.2015.1021351
per i pigri 🛌
➡️Lo scopo di questo studio è quello di valutare l'effetto di sei diversi agenti profilattici sulla resistenza al taglio (SBS) dei brackets ortodontici.
➡️Materiali e metodi: sono stati utilizzati centoventisei incisivi bovini mandibolari appena estratti. I denti sono stati divisi casualmente in 7 gruppi uguali (18 per gruppo) come segue:
🔸️Il gruppo 1 è servito come controllo senza pretrattamento;
🔸️ lo smalto del gruppo 2 è stato trattato con vernice al fluoro (Fluor Protector, Ivoclar Vivadent);
🔸️gruppo 3 contenente pasta di fosfato di caseina e fosfato di calcio (CPP-ACP) (GC Tooth Mousse, RECALDENT™);
🔸️ gruppo 4 con ozono (HealOzone, Kavo);
🔸️ gruppo 5 con polvere di glicina (Perio Flow, EMS);
🔸️gruppo 6 con polvere di idrossiapatite 99.5% (Coswell S.p.A.);
🔸️gruppo 7 con dentifricio a base di nanocristalli di idrossiapatite (Biorepair® Plus, Coswell S.p.A.).
🔷️Tutti i brackets sono stati incollati con la stessa tecnica con il transbond XT (3 M Unitek, Monrovia, CA).
🔷️Tutti i campioni incollati sono stati conservati per 24 ore in acqua deionizzata (37 °C) e sottoposti a cicli termici per 1000 cicli.
🔷️ L'SBS è stata misurata con una macchina Instron Universal Testing e il residuo adesivo è stato valutato con l'indice di residuo adesivo (ARI) utilizzando uno stereomicroscopio con ingrandimento 10×.
➡️Risultati: sono state riscontrate differenze statistiche (ANOVA) tra i sette gruppi esaminati (F = 12.226, p <0.001).
SBS dei gruppi 2, 5 e 6 erano significativamente inferiori rispetto al gruppo di controllo (p <0.05). Punteggi ARI (chi-square test) sono stati correlati con le differenze dei valori di SBS.
➡️Conclusione: pasta CPP-ACP, ozono e BioRepair® non hanno compromesso la forza di adesione del beackets.
Fluoruro, glicina e idrossiapatite hanno ridotto significativamente la SBS; solo il gruppo dei fluoruri ha mostrato valori clinici significativi di SBS bassi (<6 MPa).
Buona lettura #iconsiglidialice 



Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.