Passa ai contenuti principali

Lasciate che vi parli di come mi aggiorno professionalmente

Lasciate che vi parli di come mi aggiorno professionalmente.
Mi son laureata nel 2002, ma da allora son cambiate tantissime cose, se non tutto. Dalle linee guida ai prodotti e strumenti.
Per questo, nel mio settore, ma in quasi tutti gli ambiti medici, aggiornarsi è doveroso verso i pazienti e verso la professione.
Non è così facile farlo, però.
Purtroppo, in Italia, la nostra figura è messa in un angolo e si cerca di farla sparire.
Perchè?
Facile perchè gli odontoiatri non vogliono pagare un professionista quando possono pagare un abusivo e fargli fare un po' di tutto ( per la precisione assistenti alla poltrona che fanno gli igienisti); altro motivo perchè se sanno fare solo i tappa buchi, se noi lavoriamo bene, loro non lavorano più.
Ultimo motivo, più grave, non esistiamo nel servizio pubblico e non vogliono farci esistere.
Questo fa si che sia difficile partecipare ad aggiornamenti utili e seri.
Spesso i nostri corsi sono in sessioni congiunte con gli assistenti, quindi chi li organizza avalla l'abusivismo e lo vuole insegnare. Ovvio che, avendo fatto come baluardo della mia professione la lotta all'abusivismo, non posso sicuramente parteciparvi.
Peggio ancora però quei corsi solo per ID dove non chiedono però di dimostrare che lo sei ed alla fine ti ritrovi in una aula circondato da abusivi.
Per seguire corsi ed aggiornamenti per la mia figura evitando abusivi e furbetti che x guadagnare aprono anche agli abusivi, spesso devo spendere molti soldi e viaggiare.
Perchè vi racconto questo?
Per farvi capire le difficoltà che un serio professionista affronta per offrirvi il meglio.
Questo dovrebbe anche farvi capire perché una seduta con me costa 100 euro ed in molti posti ve la tirano dietro a 9.90.

Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.