Passa ai contenuti principali

Evitare o diminuire i sintomi della bocca secca o che brucia

Ringraziando Adele per la domanda che mi ha posto ad un vecchio post del 2013 "Conoscere, evitare o diminuire gli effetti collaterali di chemio e radio terapia, nella cavità orale" per modificare ed aggiungere dei consigli, dettati da nuove esperienze e dall'uscita dal mercato di alcuni prodotti.

Prima di tutto, mi preme ricordarti che sono da ricercare le cause di tale sintomatologia. Così come non è normale avere la bocca secca, può succedere di averla per colpa di un semplice collutorio o di un problema emotivo, non c'è sempre una causa patologica, anzi spesso non c'è.

E' errato e sciocco utilizzare prodotti terapeutici a caso, senza aver una vera diagnosi o almeno essersi sottoposto a una visita per valutare il problema.

Tornando all'argomento .
Rifacendomi al post di  quattro anni fa, in aggiunta a biotene e vea oris, oggi vi suggerirei sicuramente, per prevenire o per l'igiene orale quotidiana

La linea Bioxtra dentifricio ed Oralis collutorio della Biopharm, oppure la linea Hydral dentifricio e collutorio  della GUM, per l'igiene orale quotidiana. Entrambi i prodotti, consigliati a numerosi pazienti e amici/familiari, hanno subito dato sollievo e portato benefici obiettivamente evidenti da un punto di vista clinico. Il miglior modo di utilizzarlo ti verrà spiegato in seduta da me o un collega igienista dentale (cercalo su www.oralcare.pro)



A questi prodotti sono solita consigliare sempre un ulteriore supporto di lattoferrina.
Il prodotto principe, secondo me, è Forhans Genifor compresse. Un integratore che per il suo potere battericida, funghicida e virucida, aiuta a proteggere una mucosa in sofferenza per la carenza di saliva. La lattoferrina contenuta è una proteina che naturalmente già produciamo e si trova nella nostra saliva, quindi non si va ad aggiungere niente di potenzialmente nocivo nel tempo. Il motivo per cui la consiglio sono 2 anni di evidenze cliniche, di soddisfazione dei pazienti e di soddisfazione personale (la assumo anche io)



Se ci sono sintomatologie dolorose, un prodotto che trovo sensazionale è Mucosyte fluid della Biopharm. Da sollievo immediatamente allo sciacquo ed ha anche un piacevole sapore.
Si utilizza per tempi che vengono prestabiliti col professionista e sempre dopo una accurata indagine. Un sintomo doloroso potrebbe essere correlato a un effetto collaterale di un farmaco e alleviandolo potrebbe venir sottovalutato. Non fate terapia fai da te. Parlatene con gli specialisti, potrebbero non conoscere il prodotto e dirvi che va bene.

Ci sono poi tantissimi prodotti di supporto, dai gusti anche piacevoli. Spray e sostituti salivari.

Bioxtra gel o spray
Hydral gel o spray
Splat schiuma collutoria
Oralis pastigliette



Così come ci sono numerosi consigli alimentari da seguire, ma per questo credo sia più giusto rivolgersi a dei nutrizionisti, dopo aver avuto una diagnosi. Ripeto spesso, semplicemente utilizzando un dentifricio diverso, il problema si risolve da solo.

Alla base ci sono buone norme di igiene orale.

Come prima cosa vi suggerisco uno spazzolino sonico, così da evitare il rischio di farvi male, ma essere certi di detergere bene ogni superficie.
Io adoro Philips Sonicare, perché non può danneggiare e riesce a rendere pulite anche le bocche dei pigri.
Fa tutto lui, devi solo bagnare la testina, mettere una goccia di dentifricio e spostarlo sui denti ogni 3/5 secondi fino a quando non si spegne da solo.

Poi non può mancare lo scovolino. QUi c'è da sbizzarrirsi.
Ci sono scovolini di ogni spessore, di quasi tutte le aziende. I miei preferiti però sono gli " stimolatori " in silicone, un buon compromesso alla detersione degli spazzi interdentali senza spendere un patrimonio. Perché il difetto degli scovolini è il prezzo.
Per sapere come usarli scarica l'app Oralcare Pro




Il puliscilingua o uno spazzolino ad essa dedicato. Per sapere come usarlo, scarica l'app Oralcare Pro




Valgono tutti i consigli e le informazioni già scritte qui



Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.