Passa ai contenuti principali

Prenditi cura della bocca di tuo figlio (da prima che nascano i dentini)

Una cosa che in pochi sanno e che nessun (pochi) pediatra insegna è che la bocca va pulita anche se non ci sono ancora denti.



 Perchè? 
Perchè appena il bambino esce dalla pancia entra a contatto con i batteri e anche con quelli della bocca. Questo comporta la formazione di una flora batterica aggressiva e non che se non eliminata giornalmente sarà poi causa di dolore per i bimbi alla nascita dei denti e successivamente di probabili problemi di carie e gengivite.



Cosa fare allora? 
Facilissimo.
Bastano una garza e un pò d'acqua oppure un dito in silicone con spazzolino annesso (in italia li vendono nei negozi di animali, ma sono gli stessi che nel mondo vendono nei negozi per bambini ) . La bocca va pulita dopo ogni poppata.

  E come si pulisce la bocca di un neonato? 

Ci si avvolge la garza intorno al dito indice (ben pulito) la si inumidisce con acqua o acqua e bicarbonato e si passa il dito lungo le guance, sulle gengive e sulla lingua. 




 Risultato? 
Prima di tutto una bocca pulita. Poi insegnare al bambino ad avere le mani in bocca, così riuscirete a lavargli anche i denti quando arriveranno. Terzo evitare quello spiacevole problema del bimbo che piange dal male dei denti che spuntano . 

Ma perchè il bimbo non avrà male allo spuntare dei denti se pulisco la bocca? 
Semplice, perchè pulendo la bocca eliminerete i batteri che altrimenti allo spuntare dei dentini andranno sotto gengiva ad infiammare e causare dolore. 

E quando spuntano i primi dentini?
Si può continuare a usare la garzina fino a 3-4 anni o il dito in silicone, oppure acquistare gli spazzolini morbidi appositi per bambini sotto i 6 anni. Ricordate niente dentifricio al fluoro prima dei 6 anni, si può anche evitare di usarlo. Ma è importante controllare l'apporto di fluoro con goccine o pastiglie a seconda del tipo di alimentazione o della zona di residenza (venite a trovarci e valuteremo insieme ) . 

Ma questo vuol dire che appena nascono possono già cariarsi i denti dei nostri figli?
Si, se non viene pulita la bocca il rischio di carie è effettivamente elevato, ma ci sono altri fattori che lo ampliano. Il primo, poco conosciuto e principale, è la trasmissione batterica da genitori a figli con i classici " assaggi". Quando assaggiate la tettarella perchè non bruci il latte o fate " aeroplanino bocca mia bocca tua", ecco in questi momento passate i batteri vostri a vostro figli e se siete cario recettivi la situazione può diventare grave. La realtà è che è meglio un ciuccio caduto a terra di un ciuccio ciucciato da mamma .



 Attenzione Lasciare in culla i biberon con succhi e tisane (anche quelle senza zucchero) è pericoloso, come il ciuccio imbevuto di miele. Questi 2 VIZI sono la causa principale delle "carie da biberon", ossia i denti da latte cariati a causa del continuo contatto con sostanze zuccherate, acide e conteneti carboidrati.



http://www.dentalpediatrics.it/carielattante.html

Commenti

Post popolari in questo blog

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.