Passa ai contenuti principali

Pulire le mascherine, il bite, l'apparecchio da quegli orrendi aloni gialli e marroni

Si può. E ne ho le prove.
Da qualche settimana sono agitata nel sonno e digrigno i denti a più non posso. Pensate che mi sveglio dal rumore che faccio.
Prima di ritrovarmi senza denti ho deciso di rimettere il mio bite (uno strumento costruito in resina che posiziono sui miei denti per evitare di distruggerli), ma l'idea mi faceva un po' schifo, avevo prima necessità di pulirlo bene.
Così ho testato Brildent, il detergente per dispositivi, inventato e messo in commercio da una coppia di piemontesi...guarda caso inventiamo tutto noi :)
Funziona facilmente e con poche gocce. HA davvero un costo esiguo per il risultato che dà.
Lo potete ordinare in farmacia o acquistare qui https://brildent.com/negozio/

Nel video qui sotto una dimostrazione di come si usa, ma soprattutto una prova che le mascherine si sfregano, non basta farle passare sotto il getto d'acqua...che schifo!!!


                                                           Aquistalo su amazon


Commenti

Post popolari in questo blog

Mi arriva una mail : afte in bocca e sesso orale ?

Oggi, a casa con l'influenza, consapevole che probabilmente esploderanno afte nella mia bocca, perchè accade sempre quando ho il raffreddore, ricevo una mail sulla casella professionale.
Il titolo è : Sesso Orale e Afte in bocca.



Innanzitutto mi fa piacere, molto, che quella mia telefonata, sia servita a un ragazzo per farsi delle domande, porsi dei dubbi e chiedere un consiglio.  In secondo luogo, trovo importante , comunque, ricordare a lui ed a chi leggerà questo post, che io posso scrivere e esporre il mio pensiero, il mio parere, la mia esperienza o quello che ho studiato, ma recarsi realmente da un medico o uno specialista del settore di argomento è sempre bene per evitare diagnosi errate o peggio non diagnosi. 
Per il resta la mia risposta è : non lo so, forse.

I dentifrici neri e la nuova levata di scudi sulle supposizioni

Ieri, mentre aspettavo i pazienti, ho dato una lettura a Facebook ed ho visto sulle pagine di molti colleghi una levata di scudi contro i dentifrici ai carboni attivi, quelli neri per intenderci.

Al che, preoccupata, visto che da poco ho rilevato clinicamente che non hanno effetti collaterali e possono essere tranquillamente utilizzati, sono andata a leggermi l'articolo da cui tutti hanno preso la notizia ( vai all'articolo QUI ).



L'ho letto e non ho ben capito come mai è diventato subito il nemico numero uno dei colleghi.
Leggendo l'articolo si evince che:
- si basa su una revisione bibliografica precedente al 2017
- si suppone che possa creare danni, ma non vi sono nè prove, nè certezze, nè dimostrazioni in vivo o in vitro della cosa.
- si suppone possano restare residui tra le otturazioni o nei solchi
- si suppone l'abrasività sia troppo aggressiva
-si dichiara sia senza fluoro

Sulla dichiarazione del senza fluoro si sofferma moltissimo l'articolo, sappiamo…